FOTOCAMERE PER SENSAZIONI PROFONDE

Con l’aggiunta di sensori 3-D per i dispositivi mobili esistenti e il futuro consentirà giochi di realtà aumentata, palmare scansione 3-D, e una migliore fotografia.

 

E’ trascorso poco più di un decennio da quando le telecamere prima apparizione nei telefoni cellulari, rimangono una delle caratteristiche più utilizzate di dispositivi mobili, sostenendo le aziende selvaggiamente popolari e di valore come Instagram e Snapchat. Ora hardware che dà computer palmari 3D vision può aprire una nuova dimensione alle applicazioni di imaging, e attivare nuove modalità di utilizzo di questi dispositivi. Le prime applicazioni per cellulari che può esplorare il mondo in 3-D mostrano potenzialità di nuove forme di gioco, del commercio, e la fotografia.

fotocamer.jpg

La prima tecnologia profondità di rilevamento mobili per colpire il mercato è probabile che sia il sensore di Struttura, un accessorio per iPad di Apple che fornisce le funzionalità dei dispositivi simili a quelle del controller di gioco Kinect di Microsoft. Occipitale, l’azienda di San Francisco dietro il dispositivo, dice di iniziare a consegnare il suo prodotto nel mese di febbraio 2014. Una campagna Kickstarter per il dispositivo ha raccolto quasi $ 750.000, con più di un mese per l’esecuzione.

Occipitale ha sviluppato applicazioni che permettono alle persone di esaminare gli oggetti in 3-D con una passeggiata intorno a loro, e per la scansione di intere stanze. Una mostra come il sensore può consentire la realtà aumentata, dove immaginario virtuale è sovrapposta al mondo reale se visto attraverso un mirino. In tale applicazione, una persona che gioca a prendere con un gatto virtuale lanciando una palla virtuale che rimbalza realisticamente fuori oggetti del mondo reale (vedi video).

 

Jeff Powers , CEO e cofondatore di occipitale, dice che è attualmente focalizzata sul dare agli sviluppatori di software gli strumenti per venire con apps interessanti che usano 3 – D di rilevamento . Tra le persone interessate ad acquistare il sensore struttura , vi è un forte interesse nel gioco , e ad utilizzarla per la scansione di oggetti del mondo reale per aiutare copia o oggetti di design per essere in 3-D stampati. “Stiamo anche ricevendo un sacco di gente che chiede di usare questo per le misure di spazio , per sostituire il modo in cui le persone nel settore delle costruzioni che stanno facendo oggi”, dice Powers .

 

Il sensore Struttura funziona proiettando un modello screziata di luce infrarossa affaccia il mondo in modo che la sua telecamera a infrarossi può osservare come quel modello è distorto dagli oggetti cade . Tali dati sono utilizzati per ricostruire oggetti in 3- D . Questo processo si basa su un chip di occipitale compra da PrimeSense , con sede in Israele , il che rende l’hardware alla base di Kinect di Microsoft, e ha il suo sforzo per portare la profondità di rilevamento per i dispositivi mobili . Lo scorso gennaio , PrimeSense dimostrato un sensore 3 – D chiamato il piccolo abbastanza Capri per i portatili o tablet , Questo mese il produttore di chip per cellulari Qualcomm l’ha utilizzato per dimostrare di gioco di realtà aumentata su un tablet Android.

 Questo gioco utilizza il sensore di Capri per catturare la forma 3-D di un tavolo e tutti gli oggetti su di esso, e poi costruisce un mondo virtuale di guerra orchi, affioramenti rocciosi e torri su di essi. “Personaggi gioco possono navigare intorno, si scontrano in, e saltare su oggetti fisici”, dice Jay Wright, vice presidente del product management di Qualcomm. Una persona che gioca l’app può toccare sullo schermo del tablet di interagire con quel mondo, e camminare per il mondo reale per avere una prospettiva diversa su quello virtuale.

 

L’applicazione è stata attivata per l’aggiunta del supporto per il 3-D di rilevamento di software di Qualcomm Vuforia che aiuta gli sviluppatori di software mobile costruire applicazioni di realtà aumentata, una caratteristica che l’azienda chiama smart Terrain. Ma Wright prevede che i consumatori potranno finalmente utilizzare le applicazioni di profondità con capacità per più di giochi. Una persona potrebbe usare un app powered by smart Terrain di vedere una anteprima virtuale di un nuovo pezzo di arredamento nel suo soggiorno a scala reale, per esempio.

 

 

Qualcomm renderà intelligente Terreno disponibile per gli sviluppatori di app all’inizio del prossimo anno, ma Wright non sta offrendo qualche ipotesi su quando potrebbero apparire i dispositivi con rilevamento necessarie per usarlo la profondità. Tuttavia, Kartik Venkataraman, CTO e cofondatore di Pelican Imaging, una startup di Mountain View, California, dice che non sarà più di un paio di anni.

 

Società Venkataraman ha sviluppato un sensore telecamera di profondità -sensing che è la stessa dimensione come la maggior parte telecamere utilizzati in dispositivi mobili di oggi . “Abbiamo un progetto di riferimento e si parla per gli OEM di cellulari che hanno interesse a prendere questo al mercato su un telefono cellulare o dispositivo mobile di qualche tipo “, dice Venkataraman .

 

La tecnologia di pellicano utilizza un array di 16 minuscole telecamere per registrare il “campo luce” davanti ad un dispositivo di registrazione non solo il colore e la posizione di fasci di luce come una macchina fotografica 2 -D fa ma anche la direzione da cui provengono ( vedi “Light – Campo Fotografia ” ) . Un campo di luce può essere utilizzato per ricostruire immagini stereo di una scena per dedurre la profondità e sensore di Pelican in grado di catturare la forma di oggetti di alta precisione all’interno di circa 50 centimetri, dice Venkataraman .

 

Pelican sta occupando lo stesso tipo di realtà aumentata e gli usi oggetto di scansione come occipitale e Qualcomm . Tuttavia, con tali idee molto lontane da come le persone utilizzano i dispositivi mobili di oggi , il lavoro di Venkataraman sull’uso profondità di rilevamento per migliorare la fotografia mobile esistente potrebbe decollare prima .

 

” Instagram applica i filtri a tutta la scena , ma questo consente di applicare filtri per diversi strati della scena “, dice Venkataraman . “Che dà la possibilità di creare filtri molto più interessante. “

 

La dimostrazione app di Pelican può fare tutto in una foto di un nero lunatico e nero tranne per la persona nell’immagine , per esempio. La stessa applicazione può utilizzare i dati di profondità -sensing per tagliare con grande precisione le persone in un’immagine in modo che possano essere riposizionati o tagliati e incollati in un’altra scena .

 

APPLE I-PHONE 5, LA GRANDE NOVITA’

Finalmente è stato presentato! Il fenomeno commerciale dell’anno, I-PHONE 5 il nuovo smartphone della APPLE è in vendita in tutto il mondo, in Italia dovremmo aspettare ancora qualche giorno.

Di fenomeno reale si tratta, se gli analisti di JP Morgan si attendono dalle vendite di I-PHONE5 un aumento del PIL dello 0,5%.

Le novità dell’IPHONE5 a mio modesto parere (e non solo mio) non sembrano così rivoluzionarie, ma vi posto un video che spiega in maniera molto ironica come sono state ideate le novità.

Le grandi novità dell’IPHONE5 sono però rivolte soprattutto al mercato cinese, quello con le più grandi aspettative di crescita nei prossimi anni, iPhone 5 è infatti compatibile con il sistema LTE a banda larga del più grande operatore locale, China Mobile (incompatibile con le precedenti generazioni di iPhone).

 In Italia dovremmo attendere fino al 28 settembre 2012 per acquistare il nuovo status simbol della APPLE, ma nel resto del mondo è già record di vendite. se per il lancio dell’iPhone 4S ad Apple furono necessarie 22 ore prima di fare il tutto esaurito, per l’iPhone 5 presentato mercoledì scorso sono bastati sessanta minuti. 

Molti hanno definito le novità dell’Iphone5 “noiose” (l’edizione di Wired americana), a noi non ciresta che aspettare il 28 settembre, ma nel frattempo possiamo divertirci guardando la parodia che vi ho postato.

TECNOLOGIA PER IL RISPARMIO

La tecnologia può servire per risparmiare sulla benziana o sul gasolio?

La risposta è si, grazie a delle interessanti applicazioni per smartphone oggi si possono trovare i distibutori di carburante più convenienti.

benzina, diesel, carburanti, applicazioni, smartphone

Le nuove app sono disponibili per Android, iPhone, Windows Phone, BlackBerry i sui rispettivi application store.

Le applicazioni per risparmiare su benzina e gasolio sono molte. Come per esempio l’applicazione ufficiale di Prezzibenzina che preleva i dati dall’omonimo sito Prezzibenzina.it che indica sulla mappa le informazioni sulle medie nazionali di benzina, diesel, Gpl e metano.

Grazie a queste applicazioni, lo smartphone rileva la posizione attraverso il Gps e indica nel raggio d’azione predefinito le pompe disponibili con i relativi prezzi.

Non è l’unica scelta, alternative sono Whatgas Benzina Prezzi (Android), BenzinaOggi (Android), PompeBianche (iOS) che mostra la posizione dei distributori liberi, Prezzi Carburanti (Windows Phone) e le app di navigazione per smartphone come TomTom, Garmin e CoPilot che sfruttando il collegamento dati su rete cellulare permettono di individuare dove rifornirsi.

Un approccio simile a quello già disponibile sui Pnd “connessi”, cioè che prevedono la Sim telefonica integrata per accedere ai servizi Live tra cui la visualizzazione dei punti di rifornimento del carburante con indicazione dei prezzi. E per tenere sotto controllo le spese, ecco un’altra serie di app tra cui Rifornimento Calc (Android), Risparmio di carburante (Android) oppure IlPieno (iOS) per tenere traccia dei costi di spostamento.

TECNOLOGIA E LEONARDO

Un modo per inegrare tecnologia, la storia e le opere di Leonardo. Praticamente cultura attraverso la tecnologia. 

Ecco come definire la nuova applicazione per IPHONE E IPAD Leonardo Around, scaricabile gratuitamente attraverso App Store in italiano e inglese.

Attraverso questa innovativa applicazione si possono scoprire in maniera interattiva. L’applicazione è stata creata da Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia e Fondazione Ibm Italia, con il patrocinio di Palazzo Marino, per mostrare la ricchezza del patrimonio culturale della città: dai musei, alle chiese, dagli edifici pubblici alle vie d’acqua fino ai monumenti, alcuni molto noti, altri quasi dimenticati.

NUOVO SMARTPHONE HUAWEI

Il produttore cinese Huawei ha appena introdotto quello che ritiene essere lo “smartphone più veloce del mondo”, l’Huawei Ascend Quad D.

Huawei.jpgCon il suo dual-core K3V2 processore a 1.5GHz, Mobile Ice Cream Sandwich sarà tartaruga.

Misura 64mm di lunghezzax8,9mm DI SPESSORE questo telefono è dotato di uno schermo HD da 4,5 “, utilizza la tecnologia della voce e del pubblico earSmart ha Dolby 5.1.

Nella zona delle telecamere che hanno 8 megapixel posteriore in grado di registrare in Full HD da 1,3 megapixel frontale.

Secondo la società, 1800mAh batteria Huawei Ascend D Quad dura due giorni con un normale utilizzo. Il telefono sarà venduto nei colori bianco e nero.

l’Huawei Ascend Quad D utilizzerà il sistema operativo Android 4.0.

TECNOLOGIA ALLE POSTE

Finalmente la tecnologia arriva nell’ufficio postale!

Poste Italiane spa ha creato una nuova applicazione per smartphones e tablet per pagare i bollettini direttamente su questi dispositivi.

L’applicazione ” bollettino”  ,completamente gratuita, è scaricabile da iTunes Store per gli utenti Apple e da Android Market per chi usa il sistema Android.

 

Si può pagare con conto Bancoposta, postepay o carta di credito, i costi sono gli stessi del servizio online. Non è invece possibile usare la carta di credito per il pagamento di bollettini bianchi. Per accedere al pagamento Bollettino occorre essere registrato, grauitamente, al sito poste.it. La registrazione tramite App è consentita solo ai cittadini italiani maggiorenni e con domicilio in Italia.

 

Poste Italiane riuscirà così a ridurre le code agli sportelli.

 

NOVITA’ IN CASA NOKIA: LUMIA 800

Arriva il nuovo smartphone della Nokia il Lumia 800.

Del matrimonio tra Nokia e Microsoft sono mesi che se ne parla.

Come sottolineano da Nokia, cambiare completamente le proprie strategie nel giro di otto mesi è un lavoraccio: il Lumia 800 esce per dimostrare che il peggio è alle spalle. Le sue armi sono il design, l’os Microsoft e un ottimo schermo. L’800 a dire il vero riprende nell’estetica quel piccolo capolavoro (da noi inedito) dell’ N9: si tratta di un blocco unico di policarbonato con un vetro in Gorilla Glass ben incastonato sul frontale.

Bello da vedere e speciale da toccare: gli spigoli laterali del Lumia 800 sono arrotondati e le dimensioni sono pensate per poter compiere tutte le operazioni con una mano sola.

Il vetro è incurvato e contribuisce a far scivolare le dita lungo il telefono con facilità e precisione. Nokia chiama il display clearblack: si tratta di un Amoled da 3,7” con risoluzione 800×480 pixel che si sposa a meraviglia con l’interfaccia di Windows Phone 7. I neri impenetrabili e i contrasti marcati dell’ultimo Nokia migliorano l’esperienza della Metro UI e la brillantezza dei colori del Lumia è tra le migliori sulla piazza. L’unico appunto riguardo allo schermo è nell’utilizzo del sistema pentileper la disposizione dei pixel, che crea qualche problema nella lettura dei caratteri più piccoli (come le pagine web non zoomate).

Ma è un problema marginale, che il sistema operativo Windows Phone contribuisce a minimizzare con il suo approccio tipografico all’interfaccia utente, grazie ai caratteri voluminosi e la fluidità estrema nelle operazioni. Nokia (per il momento) non ha potuto mettere troppo le mani su Mango, ma ci ha comunque preinstallato in esclusiva il navigatore Nokia Drive (si aggancia bene e in fretta, ma richiede la connessione cellulare per il calcolo del percorso) e l’hub musicale Nokia Music (ascolti musica in streaming gratuitamente, la compri in mp3 drm free e hai informazioni sui concerti nella tua zona – tutto semplice e immediato).

Tutto il resto è di ottimo livello, anche se lo troviamo già su altri telefoni WP7, come la fotocamera da 8 megapixel (qui però abbiamo le ottiche Carl Zeiss) o il processore (single core da 1,4 Ghz).

Può venire da chiedersi: perché buttarsi sul Lumia 800? Se siete smanettoni incalliti, o più semplicemente abituati alla flessibilità di iOs e Android, potreste avere dei problemi: WP ha ancora difetti di gioventù e le caratteristiche hardware del Lumia non sono da pole position. Ma se vi trovate bene con Windows Phone e non cercate uno smartphone da gara, avete trovato forse il miglior punto d’incontro tra stile, semplicità e potenza. In altre parole, forse il meglio per Nokia deve ancora venire, ma il Lumia 800 è un eccellente punto d’inizio.

recensione tratta da http://gadget.wired.it/reviews/cellulari/2011/11/17/nokia-lumia-800-windows-phone.html?utm_source=twitter&utm_medium=marketing&utm_content=cellulari

MOBILE PAYMENT CON GLI SMARTPHONE

Secondo questo studio il 90% di chi possiede uno smartphone conosce il mobile payment, di questi il 41% ha usato questo sistema di pagamento negli ultimi 6 mesi.

payment,mobile,smartphone,cellulari,pagamentoTNS, istituto di ricerca leader nel mondo, ha presentato a Milano, presso il “Prepaid Summit: Europe 2011”, i risultati di un’indagine esclusiva effettuata in partnership con VRL, organizzatore dell’evento, sul Mobile Payment, per indagare il livello di conoscenza ed utilizzo attuale, la percezione e le attitudini dell’utente.

Lo studio ha analizzato i comportamenti di 600 utilizzatori italiani di telefoni cellulari “smartphone” (telefono che, oltre a possedere funzioni avanzate, può anche navigare in internet, inviare/ricevere e-mail, gestire l’agenda, sincronizzarsi al computer, usare programmi del pacchetto MS Office). Il campione intervistato, utenti smartphone 18-65 anni, rappresentativo dell’universo italiano “smartphone users”, ha evidenziato un elevato livello di coinvolgimento e conoscenza delle nuove opportunità di pagamento anche se emergono ancora remore e barriere all’utilizzo.

Le diverse modalità attualmente disponibili sembrano essere conosciute (il 90% degli intervistati – conosce il Mobile Payment) ed utilizzate (41%) negli ultimi 6 mesi. In particolare, gli SMS (63% e 19% rispettivamente), la connessione internet (77% e 20%), la prossimità (20% – nessun utilizzo effettuato). La percezione per il consumatore è univoca, anche per tecnologie/modalità molto differenti fra loro. Per il cliente, si tratta sempre di mobile payment.

Qual è stato l’utilizzo? Gli intervistati dichiarano di aver acquistato mediamente più di 3 prodotti/servizi negli ultimi 6 mesi, pagandoli via mobile. Fra questi, le ricariche per cellulare (25%), biglietti per trasporti-treni/voli (15%) download di giochi (12%), suonerie, musica, video, parcheggi, bollette di utenze biglietti per eventi/concerti (10%), informazione (8%).

Tali transazioni sono state addebitate fondamentalmente su carta prepagata (38%), a conferma della presenza di remore per la sicurezza della transazione stessa, su conto corrente o carta di credito (31%), su credito del telco provider (25%). Per quanto riguarda le remore, i non utilizzatori hanno evidenziato una percezione ancora elevata di rischi legati alla sicurezza e al device stesso (50%), oltre alla necessità di maggior informazione e rassicurazione (35%).

Per il futuro, gli intervistati prefigurano ottime opportunità: il 13% dichiara che lo utilizzerebbe per qualunque acquisto, il 71% per “qualcosa” (parcheggio, autostrada, benzina, biglietti vari, multe/bollette, negozi, taxi, hotel/ristoranti, perfino servizi). Solo un 16% sembra non essere interessato all’utilizzo.

Gli operatori che il consumatore si immagina di vedere coinvolti in quest’area sono fondamentalmente i cicuiti di carte (54%), le banche (44%), ma anche Poste Italiane (43%) ed i telco provider (38%). 

E come viene percepito dal consumatore il mobile payment rispetto alle altre modalità di pagamento? Gli intervistati pensano che lo utilizzeranno insieme ad altre modalità, ma il 42% dichiara che se ne servirà al posto del contante.

Per quanto riguarda attitudini e comportamenti, l’analisi ha evidenziato tre grandi gruppi: early adopters (41%), followers (47%) e rejectors (12%). Conoscerli è importante per impostare il posizionamento e la strategia di comunicazione dei servizi da proporre loro.

Abbiamo visto infatti, che il ruolo della comunicazione sarà indispensabile per rimuovere dubbi e perplessità legati alla sicurezza, alle modalità di utilizzo, al controllo delle spese effettuate. 

Ma chi saranno gli early adopters? “Un grosso gruppo, costituito da coloro che hanno già pagato via mobile. Si caratterizza in due cluster simili – ci spiega Stefano Carlin, Direttore del Business, TNS Italia” : Entusiasti (20%) e Insicuri (21%). Soprattutto 35-44enni, i primi, hanno già fatto acquisti via mobile (70% di loro ha attivato 4-5 transazione negli ultimi 6 mesi). Always-on, sono i “future shapers”, fan del mobile banking in ogni sua forma, non possono vivere senza internet ed addebitano prevalentemente tali esborsi sulla loro carta di credito. I secondi, invece, sono caratterizzati da un senso di insicurezza che pervade comunque i loro comportanti, attuali e futuri. Hanno infatti già utilizzato il m-payment, fondamentalmente per micro-pagamenti (il 48% ha effettuato 4 transazioni negli ultimi 6 mesi). Hanno ancora dubbi sulla sicurezza, ma una volta rassicurati, potrebbero utilizzare ampiamente la nuova modalità. Utilizzano internet per la loro vita sociale, per restare connessi sempre e dovunque e le loro insicurezze sono confermate dall’addebito del pagamento su parte prepagate. Sono prevalentemente uomini e vivono al Sud”.

Conclude Carlin: “Gli utenti di smartphone sono pronti, tecnologicamente e mentalmente. Hanno ancora bisogno di molta informazione, ma nella realtà siamo già tutti molto “attrezzati”. Il ruolo dei provider sarà quindi basato sulla predisposizione di standard di sicurezza elevati, ed in questo circuiti di carte e banche sono sicuramente categorie già oggi ben considerate, da parte del pubblico, e di piani di comunicazione molto precisi. Si dovrà dare priorità a comunicazioni informative, didattiche e rassicuranti, che permettano all’utente di razionalizzare un’idea mentale affidabile del servizio, in modo da poter liberare il potenziale di opportunità oggi già presente.” 

 

NOTA INFORMATIVA
da pubblicare insieme ai dati del sondaggio
“Consumers: challenges and visions on the future of Mobile Payments” 

Autore/ soggetto che ha realizzato il sondaggio: TNS Italia
Committente e Acquirente: TNS e VRL
Estensione territoriale: nazionale 
Consistenza numerica del campione 
Utenti smartphone 18-65 anni, rappresentativo dell’universo italiano “smartphone users”.
Metodo di raccolta delle informazioni: Indagine online su panel 
Date di realizzazione sondaggio: 16-19 Settembre 2011 

Ecco il documento informativo completo riguardante il sondaggio.

tratto da http://www.freeonline.org/speciali/mobile-payments.html

BLACKBARRY SI SCUSA CON APPLICAZIONI GRATIS

La società canadese RIM produttrice dello smartphone Blackbarry si scusa per i disservizi dei giorni passati regalando ai suoi clienti 100 dollari di applicazioni gratis.

 

I problemi del Blackbarry erano legati alla messaggistica e partendo dall’Europa avevano coinvolto gli smartphone di tutto il mondo per ben 3 giorni.


I problemi al data center in Europa di Rim, che si sono riflessi a cascata nel resto del mondo, sono stati risolti: per il BlackBerry si è trattato della maggiore interruzione del servizio nella sua storia, causato probabilmente da un problema hardware.

 

Adesso la società RIM ha deciso di ricompensare in questo modo la pazienza dei suoi clienti regalando 100 dollari (75 euro) fino al 31 dicembre 2011.